#
Open
(Editoriali)

INEWS 14 | L'Editoriale

Paolo Padovani

Paolo Padovani (VERONA)

paolo.padovani@limmobiliare.com


Inews 14

Stare Insieme – a casa, come al lavoro - fa la differenza

Veniamo da un periodo che ha messo in evidenza le nostre fragilità, sanitarie, economiche, sociali; siamo passati dall’ #andràtuttobene e “ne usciremo migliori”, alla consapevolezza che non è andato tutto bene ed a tensioni sociali e personali che certamente non hanno messo in evidenza i migliori atteggiamenti dell’essere umano.
Anche le analisi di settore, del nostro settore immobiliare, hanno immediatamente prodotto report previsionali, anche molto autorevoli, dedicate al catastrofismo più assoluto ben evidenziate da grafici sempre tendenti a crolli verso il basso. Chiunque di noi piccoli e medi imprenditori dell’intermediazione immobiliare ne ha sentite abbastanza per essere fortemente scoraggiato, ma non è stato così.


Non è stato così perché il mercato immobiliare, quantomeno nel segmento residenziale non solo non è crollato, ma ha confermato la propensione all’acquisto da parte degli italiani; certo, tutti noi sappiamo che siamo alle porte di una crisi economica che matematicamente investirà anche il comparto immobiliare, ma a differenza del 2008 (dove è bene ricordarlo, fummo vittima di un altro “virus” ed era proprio immobiliare – i mutui subprime, che furono poi cartolarizzati e spediti ad “infettare” il sistema finanziario europeo) questa volta è diverso, il sistema bancario è sano, c’è la possibilità di una lenta e graduale ripresa; servono ottimismo, voglia di fare e magari l’attuazione di politiche concrete che competono a chi ci governa.


Non è stato così, non ci siamo scoraggiati anche e soprattutto perché noi, noi de L’immobiliare.com siamo una Famiglia, e come tutte le famiglie “chiuse in casa” per il lockdown abbiamo saputo unirci, confrontarci, trovare nuovi equilibri, sperimentare nuove tecniche di comunicazione e di lavoro a distanza, facendo ancor più gruppo e facendo nascere nuove idee che ora stanno una ad una trovando sviluppo ed applicazione.


Non ci siamo sentiti soli, ci siamo sentiti tutti “parte di qualcosa” ed è stato importante, per proseguire il nostro cammino, tenendoci in piedi in un mondo di rovine, e per dare il nostro piccolo contributo a migliorarlo: perché “Stare Insieme, fa la differenza”.

 

SFOGLIA LA RIVISTA